Psychiatric Hospitals

Di particolare intensità sono gli scatti che Zecchin realizza con alcuni pazienti in posa, vestiti in maschera, quasi a evocare il classico catalogo socio-antropologico di certa fotografia novecentesca. I soggetti sembrano offrire al mondo la propria consapevole obliquità, una asimmetria esistenziale e sociale, nel conflitto tra opacità e trasparenza: darsi e insieme ritrarsi, come esseri umani e attori in scena. E intanto problematizzare il concetto di identità, in un luogo – il manicomio – che dell’individuo progetta la scomparsa, la riduzione all’ordine.

Così, nell’eccentrica narrazione del teatro, la finzione, il travestimento e la schizofrenica frammentazione di sé non sono più un limite, ma una chance. Una forma di liberazione, un rituale antico, il gioco (ironico, tragico) del vivere e del morire, reinventandosi ogni volta daccapo.

                       a cura di Helga Marsala

Fermer le menu